.
Annunci online

TesiPatafisiche
il blog dell'Instabile Simposio Patafisico
16 maggio 2007
Corrispondenze Patafisiche
Esimio professor Ulrico Brucke,

Mi permetto di scriverLe. Noterà subito che ho le migliori intenzioni: "permettere" unisce la moltiplicazione con il concetto di "mettere", come mettere in comune, o come messa in piega, che è poi la funzione religiosa celebrata da un prete in curva.

Le scrivo per dimostrarLe che Lei, caro professore, deve tornare al lavoro patafisico.
In ossequio alle sue mirabili e gardalandiane lezioni, cercherò di essere patafisico fino in fondo, e anche oltre il fondo, laddove si scava.
Dato che la Patafisica è la scienza che studia il particolare anziché il generale, nonché le leggi che sottendono le eccezioni e conseguentemente le regole, Le citerò il caso del giovane Michele, che è poi lo scrivente.

Michele (cioè io) L'ha appena chiamata "caro professore". Ora, "caro" è chiaramente un'idea soggettiva. Tutti pensano che le sue lezioni fossero a buon prezzo, ma io ho stabilito, dando vita a una patafisica eccezione, che Lei è caro. E il suo essere caro implica che Lei riceva più denaro di quanto ne ricevano i suoi colleghi a parita di prestazione (e quindi di restituzione). Dunque c'è una evidente convenienza per Lei nel fare lezione. Quindi Lei deve tornare al lavoro patafisico, come volevasi dimostrare.

Ma se Lei non fosse convinto, le faccio notare che "Ulrico" è anagrammabile in "ciò url", arcaismo che sta per "c'ho url", ovvero "ho un indirizzo web".
 
Mi dipiace caro professore, ma temo che il suo compito di guida e infusione di tisane e saperi nei confronti di noi mandria smarrita, beh, il suo compito non è più procastinabile.

Torni, professore, torni! E si ricordi: se non torna Lei alla patafisica, sarà la patafisica a tornare a Lei.

Suo,
Angolo Sbocco
Granduca del Grandangolo Sbocco.



permalink | inviato da il 16/5/2007 alle 9:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
5 maggio 2005
Sblog-crossing - Torino 08.05.2005


Sarocci.
 Sebbene non mi sia del tutto chiaro cosa succederà.
O forse proprio a causa dell'indeterminatezza.

Professor Ulrico Brücke

p.s. se qualcuno avesse la compiacenza di spiegarmi le regole potrei munirmi di opportune eccezioni!




permalink | inviato da il 5/5/2005 alle 13:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
13 dicembre 2004
Il blog dell'Instabile Simposio Patafisico compie un anno

Preso dagli studi e travolto dall'umanità mi è passata di mente la ricorrenza del primo compleanno del blog dell'Instabile Simposio Patafisico.

A ricordarmelo sono stati un gruppo di allievi che lo scorso sabato mi hanno fatto visita portandomi in dono un oggetto magnifico da me lungamente desiderato.

Si tratta della Caffettiera per Masochisti concepita da quell'uomo di genio che fu Jaques Carelman.

Nel ringraziare i premurosi allievi e coloro che hanno mostrato interesse per le attività del Simposio, invito tutti a riscorrere alcuni dei momenti salienti dell'opera patafisica con l'aiuto del Table of Contents predisposto per vostra comodità sul dorso del presente blog.

Con riconoscenza ed affetto.

Professor Ulrico Brücke




permalink | inviato da il 13/12/2004 alle 10:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
10 novembre 2004
Rentrée

Egregi Colleghi, Illustri Ospiti,

la lunga pausa nelle attività dell’Instabile Simposio Patafisico sta per volgere al termine.

Chiedo venia per la lunga sospensione. Tuttavia impegni di varia natura mi hanno impedito di tornare ad aggiornare il web-log dell’ISP con maggior regolarità.

In particolare, da alcuni mesi sono costretto - non controvoglia, per la verità - a risiedere in quel luogo della mente che è Berlino, ove ho dovuto sovrintendere alle iniziative organizzate presso gli spazi del Museo che alcuni cari amici espressionisti hanno voluto intitolare al sottoscritto.

Il Simposio riaprirà dunque i battenti per ospitare come di consueto Teoremi e Dimostrazioni, Irregolarità Empiriche, i contributi volti a definire i caratteri salienti del Paese Patafisico, quelli di natura metodologica, gli amatissimi oggetti della Fenomenologia del Post, gli EsuLamenti del Signor g, le segnalazioni in note delle ConSonanti Patafisiche, ma anche molte novità.

Prima fra tutte un’ancora maggiore apertura ai contributi degli colleghi e degli ospiti del Simposio. Dopodiché una riflessione sistematica sulle opere dei Padri e dei Maestri Patafisici e sull’evoluzione della Suprema Scienza.

Sottoponete dunque all’attenzione dell’ISP i vostri contributi utilizzando l’indirizzo per le e-pistole riportato qui accanto.

Se l’attesa della ripresa delle attività patafisiche è poi tanto spasmodica da renderla insopportabile, ricordate di essere i benvenuti presso le strutture del Museo, ove, davanti ad una tazza di thè, avremo modo di sragionare di Patafisica sino allo sfinimento.

Saluti Patafisici,

Professor Ulrico Brücke - Maestro Precipitatore e Deragliatore di Poligoni




permalink | inviato da il 10/11/2004 alle 13:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
12 giugno 2004
Dichiarazione di Voto Virtuale

Purtroppo il Professor Ulrico Brücke è soltanto un ospite del Paese Patafisico avendo passaporto ubulandese e non può dunque esprimere la sua preferenza elettorale in occasione della consultazione europea.

Tuttavia, ritiene doveroso rendere edotti gli aderenti e i partecipanti in varia veste all’Instabile Simposio Patafisico delle proprie virtuali intenzioni di voto.

Dopo aver seguito con attenzione le vicende elettorali e la campagna condotta dalle diverse forze politiche, il Professor Brücke ha individuato la lista più patafisica che c’è e vuole esternare dunque il proprio sostegno al progetto NO EURO.

I soggetti coinvolti in tale iniziativa dimostrano di avere talento patafisico da vendere nella proposizione di teorie e soluzioni ai problemi che affliggono i cittadini del Paese Patafisico.

Soluzioni immaginarie e rigorosissima contraddittorietà sono gli elementi distintivi e qualificanti del progetto NO EURO.

Dal loro documento programmatico possono estrarsi perle del tipo seguente:

- L’Euro ha causato un aumento dei prezzi. La ragione risiede nel fatto che la sua introduzione ha comportato un aumento dei costi di produzione e le imprese hanno dovuto adeguare i prezzi per poter far fronte a tali aumenti.

- Le multinazionali lasciano il Paese Patafisico perché il costo del lavoro è troppo elevato. Subiamo l’invasione del nostro mercato da parte di prodotti  fabbricati nei paesi asiatici o dai nostri partners europei che sono più competitivi. Per questo siamo contro l’immigrazione (soprattutto quella islamica) che porta manodopera a basso costo. Poco importa se quest’ultima affermazione e in contraddizione con quella sull’elevatezza del costo del lavoro. Abbiamo deciso così.

Insomma, proposte chiare e illuminanti.

Proprio quelle di cui necessita il Paese Patafisico.

In chiusura, il Professor Brücke non può non ricordare la persona grazie alla cui meritoria iniziativa è oggi possibile votare una lista come la N(O)EURO: il mai troppo compianto Professor Franco Basaglia.

Buon voto a tutti!




permalink | inviato da il 12/6/2004 alle 11:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
1 aprile 2004
Un Commiato

Egregi Colleghi,

avendo constato che

-         nel Paese da noi impropriamente definito Patafisico vige, in realtà, un’assoluta dittatura dell’eccezione divenuta regola;

-         la regola non è a sua volta divenuta eccezione;

-         non esiste dunque un ribaltamento completo del senso e né possibilità di opposizione alla suddetta dittatura;

siamo costretti a prendere atto dell’altrettanto assoluta anti-patafisicità del Paese in parola.

Dichiariamo pertanto esaurita l’esperienza dell’Instabile Simposio Patafisico.

Un Addio Patafisico.

Professor Ulrico Brücke

 




permalink | inviato da il 1/4/2004 alle 11:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
23 marzo 2004
Il Paese Patafisico. Della Stampa Autorevole.

Può capitare di trovarsi un lunedì mattina in una capitale europea dove si è trascorso un piacevole weekend.

Per prepararsi al lungo viaggio in treno che ci ricondurrà al nostro luogo di residenza, si potrebbero acquistare generi di conforto di ogni sorta, incluso un quotidiano che si affiancherà alle altre letture di viaggio. Le edicole della stazione principale di una capitale europea offrono la possibilità di leggere anche la stampa del proprio paese d’origine. Non tutta, solo i quotidiani più importanti.

Poiché può piacere annerirsi le dita con l’inchiostro disteso su pagine gualcite, si può decidere di acquistare proprio uno dei quotidiani del Paese Patafisico.

Dicevamo che la scelta non è in genere vasta e, ove fosse assente il primo giornale per autorevolezza (quello con le pagine rosa, per intenderci), non resterebbe che ripiegare su quello, anch’esso meneghino, che nell’immaginario collettivo è considerato il secondo di tale speciale classifica.

E’ un quotidiano la cui lettura potrebbe essere stata da noi abbandonata da anni a causa dell’inveterata incapacità di adottare dogmi relativi a concetti come prestigio non avallati dai fatti.

Una volta in treno, si può concentrare l’attenzione sulla prima pagina di tale quotidiano e scoprire che:

a)      il lunedì, la notizia del giorno nel Paese Patafisico, è che una partita di calcio è stata sospesa perché i tifosi hanno ordito un complotto. Si potrebbe forse inorridire per un uso così disinvolto dei analisi dietologiche da parte di un giornale che un tempo spendeva intere colonne per stigmatizzare il “complottismo” in ogni salsa. Ma forse la nuova linea editoriale ritiene che il “complottismo” possa essere utilizzato per cose serie come il “pallone” ma non per buffonate come le guerre preventive.

b)      Di spalla, viene pubblicato un editoriale di un noto esperto di diritto amministrativo, già ministro, il quale si preoccupa di sviluppare un ragionamento funzionale alla dimostrazione della propria tesi – l’originalissima: “in tema di federalismo c’è confusione” – senza peraltro aggiungere argomentazioni più persuasive di quelle già contenute nel titolo e nell’occhiello. Tra le altre, colpisce la lettura strumentale di un testo di due chiarissimi studiosi, tramite la quale si dice che riguardo alle dimensioni delle unità amministrative (stati, regioni, ecc.), piccolo è bello ma si pagano più tasse. Vagli a spiegare che il livello di contribuzione di per sé non un indicatore del grado di soddisfazione degli amministrati (almeno in un Paese mediamente serio),  mentre potrebbe esserlo il rapporto tra contribuzione ed efficienza dei  servizi pubblici resi…

c)      A centro pagina, c’è la notizia dell’aggressione ad un esponente politico durante una manifestazione. Leggendo tutti i servizi sul tema, difficilmente capirete che a tale manifestazione hanno partecipato un milione di persone e che gli “aggressori” erano poche decine di imbecillotti, ma leggerete una recensione divertita di come altri giornali hanno tratto la notizia: perché per i commentatori di un giornale autorevole può apparire discutibile il dare non molto risalto ad una notizia “grave ma non seria”.

d)      Sull’editoriale di un inspiegabilmente noto sociologo si preferirà sorvolare.

e)      Lo stesso si vorrà fare con quello di matrice politico-religiosa, poiché per formazione e costume non ci si occupa delle parole e degli atti dell’ufficio marketing della concorrenza. 

E’ invece importante sciogliere il nodo dell’autorevolezza e dell’importanza di un quotidiano.

A tal proposito è utile riportare l’intuizione poetica di tal Alessandro Capponi a pagina 2, il quale commentando la notizia del giorno riesce a scrivere: «Una volante brucia tra la Sud e la Tevere, poco prima delle scale, e le fiamme arrivano al soffitto dell’Olimpico, quello del tunnel che, da quell’ingresso, porta alla tribuna. Accanto, persone in fuga, la sciarpa sugli occhi. Fumo grigio ovunque. Sale e avvolge, l’esterno dello stadio. Come le pareti degli alberghi bombardati a Bagdad.» (il corsivo è del lettore) 

Alla luce di un’analisi più o meno attenta delle forme e delle sostanze di questo giornalismo si può dedurre che il concetto di autorevolezza nel Paese Patafisico è riferito non alla serietà nella scelta e nella lettura delle fonti e al rigore dell’analisi, bensì all’estro dell’autore che assume sempre più il ruolo di artista della carta stampata, dispensando colpi di genio in forma di pennellate lessicali a commento di questo o quel fatto. Insomma, un genuino amore per l’arte volto a trarla dalla condizione di marginalità e di oggetto di fruizione per pochi. Cosa che da Patafisici, non si può non apprezzare.

Riguardo all’affermazione secondo la quale i giornali distribuiti nelle edicole estere sarebbero i più importanti, tornerebbe utile adottare il consiglio del nostro caro collega, il Professor Pul Itzer, il quale suggeriva di abolire per legge la lettera n in tale contesto. Si potrebbe così ufficializzare la tautologia secondo la quale i giornali disponibili sono semplicemente i più importati. Affermazione forse pleonastica, ma più veritiera.




permalink | inviato da il 23/3/2004 alle 12:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa
16 febbraio 2004
RadioVian

Grande Annuncio!


Grazie ai potenti mezzi messi a disposizione dalla piattaforma di Blogradio é finalmente attivo il Braccio Marconista dell'Instabile Simposio Patafisico.


Buone Trasmissioni e ...  Buone Vibrazioni!




 




permalink | inviato da il 16/2/2004 alle 17:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
13 febbraio 2004
La Tournée del Professor Brücke

Il Professor Ulrico Brücke si esibisce in un Esercizio di Stile presso il Signor Zop.

Siete tutti invitati a raggiungerlo: Patafisici e non.

Saluti.

 

[un sentito ringraziamento al gestore dei CollegaMenti Stilistici per la gentile ospitalità]

La boccata d'aria fresca é caldamente consigliata a chi non sopporta quella viziata del condominio.




permalink | inviato da il 13/2/2004 alle 18:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
11 dicembre 2003
Torno Subito

Il Professor Brücke è in tourné.
Sarà presto di ritorno.
Saluti patafisici a tutti.




permalink | inviato da il 11/12/2003 alle 14:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Professor Ulrico Brücke
Patafisico
Maestro Precipitatore e Deragliatore di Poligoni

Ospite: g - EsuLamentatore


Cos'è la Patafisica?
"La Patafisica, la cui etimologia deve scriversi epì
 (metà tà fysikà) e l'ortografia reale Patafisica... è la scienza di ciò che si aggiunge alla metafisica, sia in essa, sia fuori di essa, estendendosi così ampiamente al di là di questa quanto questa al di là della fisica... la Patafisica sarà soprattutto la scienza del particolare, per quanto si dica che non vi è scienza se non del generale. Studierà le leggi che reggono le eccezioni e spiegherà l'universo supplementare a questo; o meno ambiziosamente descriverà un universo che si può vedere e che forse si deve vedere al posto del tradizionale...
DEFINIZIONE - La Patafisica è la scienza delle soluzioni immaginarie, che accorda simbolicamente ai lineamenti le proprietà degli oggetti descritti per la loro virtualità."
In Alfred Jarry, Gestes et opinions du Docteur Faustroll, pataphysicien, Paris 1911. Trad. It. di C. Rugafiori, Gesta e opinioni del dottor Faustroll, patafisico, Milano, Adelphi Ed., marzo 1984.


un jet d'écume
L’essenziale, nella vita, è dare giudizi a priori su tutto. In effetti, sembra che le masse stiano sempre dalla parte del torto, e che gli individui abbiano sempre ragione. Bisogna tuttavia stare attenti a non dedurre nessuna regola di condotta da questa constatazione: certe regole non hanno bisogno di essere formulate per essere eseguite. Solo due cose contano: l’amore, in tutte le sue forme, con ragazze graziose, e la musica di New Orleans o di Duke Ellington...
Boris Vian


 


Dopo il sinistro occorso al Maggiolino, il gentile concessionario ha messo a disposizione i seguenti mezzi di trasporto:

 


Legalità Patafisica
Tutti i materiali originali del Prof. Brücke qui pubblicati sono rigorosamente copyleft: possono essere riprodotti, modificati, distribuiti, trasmessi, ripubblicati, deformati, informati, centrifugati, masticati o in altro modo utilizzati, in tutto o in parte, senza il preventivo consenso(hassenso?) del Prof. Brücke, a condizione che tali impieghi avvengano per finalità di studio e ricerca patafisici o comunque per usi privati e non commerciali e che sia citata ben visibilmente la fonte:
http://tesipatafisiche.ilcannocchiale.it/.


 Qualcuno sostiene che l'omosessualità e le coppie di fatto (gay e non) siano un'eccezione. Ragion per cui l'Instabile Simposio Patafisico aderisce con vigore a: http://www.unpacsavanti.it/

 

 


Il Simposio dà una mano ai leaders dell'Unione.

 

 


Il Professore legge abitualmente


Table of Contents

Il Paese Patafisico

1. Delle Ragioni per le Quali l’Italia è da Considerarsi la Patria Elettiva dei Patafisici 13.12.2003

2. Di ciò che è giusto 15.12.2003

3. Di ciò che informa 23.12.2003

4. Della Patafisicità del Gioco. Il Caso dell'Italia del Monopoli nella sua Particolare Generalità 12.01.2004

5. Il Paese Patafisico. Di Ciò Che Unisce ovvero "Il Partito Riformista". 28.01.2003

6. L’Assenza di un Conservatorismo Italiano e le Colpe della Sinistra 23.02.2004

7. Della stampa autorevole 23.03.2004

8. Dichiarazione di Voto Virtuale 12.06.2004

9. Le Soluzioni Immaginarie di una Riforma Fiscale 29.12.2004

10. Sentenze e Onorabilità 13.12.2004

 

Metodologia

1. Della regolarità eccezionale 16.12.2003

2. Della rivolta patafisica 02.02.2004

3. Una Tecnica per l’Eliminazione della Devianza 05.04.2004

 

Teoremi e Dimostrazioni

1. Risposta per le righe del Prof. Brücke ad un post ad Egli dedicato 17.12.2003

2. Del Processo Stocastico Umano e delle Pataragioni alla Base dell'Inattendibilità dell'Amatobene 18.01.2004

 

Fenomenologia dei Post

1. Oggetti n. 1, 2 e 3 03.02.2004

2. Oggetti n. 4, 5 e 6 17.02.2004

3. Oggetti n. 7, 8 e 9 06.03.2004

4. Sordiana. Oggetti n. 10, 11 e 12 11.04.2004

5. Oggetto Unico dell’Esimio Riformatore 19.05.2004


ConSonanti Patafisiche

1. C di Corleone 04.05.2004

 

Gli EsuLamenti di g

1. Della Novità dei Neocons 01.02.2004

2. Nel Segno di Violante: Solidarietà ai Ragazzi che Sbagliano 10.02.2004

3. Basta con gli Intellettuali Barboni 09.03.2004

4. Visto che Gino Strada non vi piace … 26.03.2004

5. Aridatece gli Eroi Veri 16.04.2004